mercoledì, giugno 06, 2007

L'arte è ovunque

Arte e vita finiscono per coincidere. L'arte è sempre la vita, ma guardata sotto un altro aspetto, quello "suggestivo" o se vogliamo, simbolico. C'è arte anche nel modo che ha una persona di camminare o parlare. Semplicemente, un quadro, rispetto al modo di camminare, è arte esplicitata, arte conscia, "arte per arte" anziché "arte nella vita". Ma non c'è discriminazione quantitativa fra l'uno e l'altro tipo: l'"arte per arte" è solo più immediata e fatta propriamente per essere fruita, ma un soggetto umano potrebbe in teoria affascinare e trasmettere messaggi artistici più interessanti con il suo modo di vivere, rispetto per esempio alle opere di uno scultore professionista.

1 commento:

Benedetto ha detto...

Racconto tratto da una ricetta di spezie

Oggi o era ieri non so bene dove inizia,mi hai fermato almeno una dozzina di volte,almeno una dozzina di volte ho sospeso per un secondo quello che facevo,una diversa lunghezza nel sorriso,più margine di strada in auto,più colpi di pettine,più oggetti appena posati che non trovo,più sguardi sul soffitto,la porta lasciata aperta due volte.sei una preghiera che arriva puntuale ancora prima di pronunciarla a fare della chimica in testa.mi immagino i neuroni con la tua faccina che leggono il giornale piegato in 3 parti seduti a un caffè tutti scalzi.se non fossi saresti una foglia di basilico...ha tutto.